Lo spazio pittorico nella Storia dell'Arte, uno studio secondo la psicoanalisi di C.G. Jung

Cultor College


Arte e Psicologia

Lo spazio pittorico nella Storia dell'Arte

Uno studio della spazialità che si modella nelle opere d'Arte
come lo spazio interiore di Winnicott e l'individuazione di Jung in Psicologia

di Maxson J.McDowell ©


L'Autore:

Maxson McDowell, già Presidente del CG Jung Foundation, è uno psicanalista di scuola Junghiana che esercita a New York City.

Per oltre dieci anni ha studiato col pittore Robert Casper lo spazio pittorico, che spiega in questo saggio, analizzandone la storia e i protagonisti, con un gran numero di esempi e citazioni.


Per chiarire ulteriormente questo tema difficoltoso, analizza la creazione dello spazio pittorico utilizzando diagrammi esplicativi, spiegando, passo per passo, come si può creare una composizione artistica che abbia queste caratteristiche.

Questo particolare interesse e la lunga ricerca che ne è derivata, sono stati motivati dal fatto che l'analisi junghiana è caratterizzata fondamentalmente da tre elementi: il rapporto paziente terapeuta, l'individuazione e, quello che qui interessa specificatamente, il concetto di simbolo e archetipo (le immagini, i simboli, i contenuti primordiali e universali presenti nell'inconscio collettivo).

Non è quindi un caso che la psicanalisi si sia occupata da sempre dell'arte come espressione della psiche umana.


In questo studio l'autore sottolinea le analogie tra lo spazio pittorico nell'arte e lo spazio interno (transizionale) di Donald Winnicott e l'individuazione di Carl Gustav Jung.
Una personalità che si sviluppa e un quadro in evoluzione plastica apparentemente sono sistemi omologhi organizzati secondo un insieme comune di principi. Una pittura plastica rende visibile un processo che, nella personalità, è lento e oscuro: simboleggia i modelli o la struttura verso cui tende l'individuazione. In parte, questo è il motivo per cui ci si muove così profondamente. L'arte plastica inizialmente è stata creata più di 35.000 anni fa.

Così come abbiamo sempre usato il mito per rappresentare la vita interiore, abbiamo utilizzato l'arte plastica per lo stesso scopo.



Leggi:

Lo spazio pittorico nella Storia dell'Arte :
Cézanne e Hofman

Venere di Véstonice, terracotta, Rep.Ceca. 29,000-25,000 aC. Foto: J Jelinek, 'L'evoluzione dell'Uomo'

Indice dei contenuti

Parte Prima

Introduzione
La storia dello spazio pittorico: Cézanne e Hofmann
Lo spazio pittorico nella letteratura
Tav. 1: Cézanne, Natura morta con mele
Qual è lo spazio pittorico?
Diagrammi
Spiegazione
Un paesaggio di Cézanne e il suo motivo
Tavola 2: Cézanne e il suo motivo
Le proprietà di dipinti di plastica
Creazione di spazio pittorico
L'istinto e la sensibilità per il rettangolo
Tavola 3: la pittura di un bambino.
Come si può imparare a creare spazio pittorico?
Perché è importante spazio pittorico nell'arte?

Parte Seconda

I confronti a coppie delle opere
Tavola 4: Velásquez e Degas
Tavola 5: Canaletto e Alunno di Benozzo
Tavola 6: Gris e Braque
Tavola 7: Veronese e Van Dyke
Tavola 8: Rembrandt e Van Gogh
Tavola 9: El Greco e Caravaggio
Tavola 10: sculture, periodo Vijayanagar e Carpeaux
Tavola 11: Maestro di Moulins e Matisse
Tavola 12: Cézanne e Matisse
Tavola 13: Sassetta e Cézanne
Tavola 14: Modigliani e delle Cicladi
Tavola 15: Hofmann e Casper
Tavola 16: figurine Paleolitico
Lo spazio pittorico ritrae una personalità in evoluzione
Una descrizione dello spazio interno di Winnicott e di individuazione di Jung con esempi
Conclusione
Due scrittori di unità
Ringraziamenti
Bibliografia
Note di chiusura
Riferimenti


 


Ultima modifica - Last modified : Oct.31 -2016