Cultor College

 

 

L'autore
Jacob Maentz è un fotografo freelance specializzato in viaggi, cultura e documentari che attualmente è di base nelle Filippine.

La sua passione consiste nel creare immagini che comunichino un forte senso del luogo e della consapevolezza culturale, soprattutto per quanto riguarda le situazioni difficili. Le sue fotografie riflettono spesso il suo background in materia di conservazione e di studio delle questioni relative alla condizione umana e al mondo della natura.

La dedizione di Jacob alla narrazione visiva è migliorata dal suo amore per i viaggi e gli scambi culturali. Fin da giovane ha seguito questa filosofia, recandosi in America Latina al tempo del college. Nel 2003 è andato nelle Filippine, facendo parte dei Peace Corps degli Stati Uniti. Vi è tornato qualche anno più tardi per iniziare una carriera professionale nel campo della fotografia.

Jacob lavora principalmente come fotografo freelance, per aziende, organizzazioni private, università e scrittori indipendenti e le sue immagini sono apparse su tutti i mezzi di comunicazione, dalla pubblicità alla televisione, alle copertine di riviste e libri. La maggior parte del suo lavoro documentario di viaggi attualmente è rappresentato dall'agenzia Corbis Images.

Quando non lavora, Jacob si dedica al volontariato con le organizzazioni di conservazione e ONG locali. E' sposato, con due figli e risiede a Cebu City, nelle Filippine.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

screen check

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright.
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
© 2012 - Jacob Maentz

Jacob Maentz




Un'abilità fondamentale:
come scegliere le immagini migliori?

di Jacob Maentz

 

Quando la maggior parte di noi sente la parola"fotoritocco" generalmente pensa di modificare una foto per migliorarla in qualche modo usando il software del computer. Anche se questa, di solito, è una grande componente della post-produzione, il processo di "fotoritocco" deve sempre iniziare con la selezione delle foto. Quando i photo editor modificano le foto, quello che stanno facendo di solito è la selezione delle immagini che lavoreranno per un uso particolare. La maggior parte di noi finisce per essere editor di se stesso, quindi dovremmo conoscere bene l'argomento per imparare a selezionare le nostre immagini migliori.
Il processo di selezione dovrebbe essere una delle fasi più importanti della post-produzione, ma spesso non gli viene attribuito il risalto e l'importanza necessari.

Allora, come faccio per selezionare le mie immagini migliori? Beh penso che ci voglia pratica e una certa conoscenza di come risponderà il pubblico. Naturalmente certe immagini risulteranno meglio a seconda del mezzo usato per proporle e del pubblico a cui verranno proposte. E' proprio per questo che ci sono addetti specializzati al fotoritocco. Ci sono però altre qualità generali che possiamo trovare nelle immagini "migliori" senza considerare il pubblico.

Di seguito sono riportati alcuni esempi che spiegano perché una foto particolare è stata selezionata preferendola alle altre. Credo che questo sia un buon esercizio, per cominciare ad essere più critici riguardo alle nostre immagini. Pochi dettagli in una fotografia possono cambiare l'intero significato di un'immagine. Quando iniziamo a passare del tempo per imparare a selezionare le immagini, diventiamo più consapevoli di questi piccoli dettagli che sono così importanti. In questo modo iniziamo anche a prendere confidenza con una composizione migliore e con l'uso ottimale della luce. Allo stesso modo, iniziamo a scattare meglio e cominciano a condividere solo le nostre immagini più significative.

selezionare le immagini

Questa è una buona serie per mostrare come piccoli particolari possano fare la differenza rendendo una immagine più forte. La prima cosa che ho notato, guardando queste immagini, è che mi piacevano di più quelle con la ragazza che si teneva la camicia. Sembra che in queste immagini sia più rilassata e mi piace di più anche il suo atteggiamento. Sono stato anche in grado di zoomare durante questi gesti particolari che a mio avviso aiutavano ad isolare un po' di più la ragazza (credo che isolare la ragazza in questa particolare immagine funzioni perché già sappiamo che si trova in un campo di riso).
Ho deciso di scegliere l'immagine a destra nella fila centrale. La ragazza sembra più rilassata e in questa particolare immagine si può vedere meglio il suo viso. Inoltre, anche se si tratta di un piccolo dettaglio, gli steli di riso nell'immagine scelta per me hanno un aspetto migliore. Se si guardano da vicino le altre immagini si nota un unico stelo di riso che sporge verso la parte sinistra della foto. Per me questo stelo di riso "fuori posto" aggiunge solo distrazione dalla ragazza.

fish market

Nella serie precedente, ho selezionato l'immagine in basso a sinistra. La donna che sta guardando un cliente ha dato a questa immagine una componente in più che mancava alle altre. Penso che essere in grado di vedere i suoi occhi aiuti lo spettatore a collegarsi meglio con la foto, oltre a fornire un elemento di narrazione più profonda (mostra il suo coinvolgimento con un cliente).

Qui ci sono due foto che sono simili ma anche molto differenti. Queste foto sono state scattate a 5 minuti l'una dall'altra, ma raccontano storie completamente diverse. Potenzialmente potrebbero entrambe essere utilizzate a seconda dello scopo, però trovo che la seconda sia più coinvolgente. C'è più emozione perché l'uomo sta reggendo la cesta con le verdure mentre i suoi aiutanti si trovano sui lati. Mi fa venir voglia di saperne di più sulla situazione e su quello che stanno facendo. Quindi credo che la seconda sia più "forte" proprio a causa della sua componente narrativa.

In questa serie, ero alla ricerca di un'espressione naturale del pescatore di gamberetti. Non volevo una foto in cui guardasse dritto alla camera, ma allo stesso tempo volevo essere in grado di vedere il suo volto. Ho pensato che il modo migliore per farlo era di chiedergli se poteva guardare nella direzione opposta, lontano da quello che stava facendo. Sapevo che potevo ottenere qualche immagine sciocca di lui che guardava lontano, ma dopo solo un fotogramma ho catturato un'espressione sincera. Per me c'è solo una foto che ha catturato questa espressione, l'immagine a sinistra in terza fila.


Strumenti per aiutarvi a selezionare le immagini: Ci sono molti programmi software che possono aiutare a organizzare e rendere il processo di selezione più facile. Qui sono alcuni di quelli più comuni che trovo utili:

Photo Mechanic - è un ottimo strumento per visualizzare le immagini velocemente prima di importarle in Lightroom o Aperture. Consente di confrontare rapidamente più immagini e selezionare le migliori da una sequenza. La velocità con cui è possibile visualizzare e selezionare le immagini ad alta risoluzione è una delle migliori caratteristiche di questo software.

Adobe Lightroom - è un grande programma multifunzione per l'organizzazione, la selezione, lo sviluppo e l'esportazione delle foto. È possibile utilizzare il modulo Libreria per selezionare le immagini migliori con strumenti chiamati Confronta, Vista o Vista rilievo. Anche se questi strumenti possono essere utili per la selezione delle immagini migliori, spesso basta utilizzare le miniature in Vista e selezionare da lì. Lightroom a volte può essere lento quando tratta una grande quantità di immagini e quindi vi consiglio di usare Photo Mechanic o Adobe Bridge per il vostro processo di selezione iniziale.

Adobe Bridge - è un altro ottimo modo per visualizzare le immagini, specialmente se si prevede di modificare le foto direttamente in Photoshop o se si preferisce utilizzare Camera Raw per le conversioni in formato Raw. Trovo anche che sia molto più veloce di Lightroom e offra un modo migliore per visualizzare le immagini quando tutto quello che dovete fare è effettuare selezioni o guardare metadati.