Stile Sukhothai dell'arte Thai, Thailandia - Wat Si Chum

Cultor College


Lo stile Sukhothai dell'arte Thai

Wat Si Chum

in collaborazione con Discover Asia - Thailand's World



Wat Si Chum [tempio dell'albero del Bodhi] risale al XIII secolo.

L'immagine del Buddha è coperta di stucco, l'Illuminato è seduto all'interno di un edificio quadrato di mattoni, con una struttura muraria affusolata che si apre nel centro della parte superiore.

Si trova a circa 1.500 metri a nord di Wat Mahathat, con un fossato che funge da confine.

Anche se ci sono solo i resti di un piccolo vihara (sala dei monaci) e di un mandapa (sala esterna colonnata), questo tempio (watt) è di grande importanza.

Il tetto del mandapa è crollato, esponendo un enorme Buddha seduto, di stucco, di oltre 11 metri di larghezza, chiamato Phra Achana. Il mandapa è di 32 metri quadrati, alto 15 metri con le pareti spesse 3 metri.

Un passaggio nella parete interna di sinistra conduce ad una scala di accesso al tetto. Sul soffitto del passaggio ci sono più di cinquanta lastre di ardesia incisa, risalenti alla metà del quattordicesimo secolo, che illustrano scene dai racconti Jataka, le storie delle vite precedenti di Buddha.

Si ritiene che il rito della circumambulazione (o salire delle scale) fosse un'ascesa simbolica verso l'Illuminazione.

Che cosa vedere a Wat Si Chum:

L'immagine del Buddha seduto all'interno della Mandapa.
La scala interna [quando è aperta] .
Il Mandapa e la sua decorazione in stucco esterno.
La Sala delle Assemblee, con le sue colonne in rovina e l'immagine del Buddha seduto in un mandapa più piccolo, a nord della Mandapa principale.
Il fossato che circonda l'intero tempio.


< 3 - Wat Mahathat<

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, in qualunque maniera, senza il permesso del titolare del copyright
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
Copyright © Discover Asia - Thailand's World. All Rights Reserved




        Global Cultural Network