Cultor College




Kuniyoshi Utagawa
歌川国芳
maestro di Ukiyo-e


Kato Kiyomasa (1562-1611) ritratto da Kuniyoshi nella serie "Storie eroiche del periodo Sengoku".
Kiyomasa e' stato uno dei guerrieri piu' famosi nella storia giapponese: si distinse nella battaglia di Shizugatake (1583). Per questi meriti gli venne assegnata meta' della provincia di Higo e il castello di Kumamoto. Famoso per le spedizioni in Korea con Hideyoshi e per la difesa del castello di Ulsan che non si arrese ai cinesi, sebbene ridotto alla fame. Per questa ulteriore impresa ebbe l'altra meta' della provincia di Higo. Conosciuto come il "generale diavolo" contrariamente a molti Samurai era poco incline alla poesia, al punto da proibirla ai suoi sottoposti, pena la morte.
Kuniyoshi: truppe giapponesi attaccano una citta' koreana
Kuniyoshi: Festa nuziale, tavola 8

Kuniyoshi: Donne


Kuniyoshi Uatagawa 歌川国芳 nato a Edo (Tokyo) nel 1797, e' stato uno dei piu' grandi interpreti del "Mondo Fluttuante" (ukiyo-e). Il suo nome, alla nascita, era Yoshisaburo gli venne dato dal padre, tintore di seta presso il quale inizio' a conoscere disegno e, soprattutto, i colori.

Fin da giovane Yoshisaburo sviluppo' una passione per il disegno. A 14 anni entro' in una scuola importante, quella diretta dal maestro Toyokuni Utagawa (1769 - 1825). Secondo alcuni fu anche apprendista presso Katsukawa Shuntei.
All'epoca era consuetudine che un allievo prendesse un nome d'arte che lo collegasse al suo maestro, cosi' Toyokuni gli diede il nome di Kuniyoshi. Nome creato unendo la parte finale kuni di Toyokuni con l'inizio del nome Yoshisaburo.

Uscito dalla scuola attraverso' un periodo difficile durante il quale non riusciva a vivere del suo lavoro di artista. Questa situazione lo costrinse anche a vendere e riparare tatami. Raggiunse la notorieta' solo nel 1827 con le 6 stampe della serie ''I 108 eroi del Suikoden'' che ritraeva 108 ribelli e banditi protagonisti di un racconto cinese del XIV secolo. Kuniyoshi continuo' su questo filone producendo stampe che ritraevano eroi e guerrieri al punto da essere soprannominato ''Kuniyoshi delle stampe dei guerrieri''.

Conseguita la tranquillita' finanziaria cambio' temi disegnando storie di fantasmi, stampe comiche, paesaggi (resi popolari da Hiroshige), belle donne, ritratti di attori del teatro Kabuki e soggetti di tipo naturalistico come uccelli, pesci e gatti.
Verso il 1840, le stampe di Kuniyoshi risentirono dell'influenza occidentale sia nello pittura (uso della prospettiva, nel disegno delle nuvole e nei contrasti tra luce ed ombre) che nella stampa. La stessa ammirazione le stampe Ukiyo-e suscitarono sugli impressionisti in occidente.

Tra il 1840 e il 1850, il Giappone era alla fine di un lungo periodo di pace e prosperita' sotto gli Shogun, ottenuto con un controllo molto severo su tutte le attivita' del paese.
Kuniyoshi fu tra coloro che con la satira e l'ironia delle produzioni artistiche critico' questo stato di cose. Cosi' nel 1843 l'artista ebbe problemi con le autorita' che lo multarono, distruggendo anche le stampe di un trittico satirico.

Nel 1848 Kuniyoshi produsse la serie "Seichu gishi den" "Le storie dei Samurai fedeli" riproducendo tutti i protagonisti della saga dei 47 Ronin, una delle vicende piu amate dalla tradizione nipponica.

A differenze del suo rivale Kunisada, presuntuoso e arrogante, Kuniyoshi era un uomo schietto e concreto. Anche se molto dotato, fatico' parecchio prima di arrivare al successo e proprio per questo non si monto' mai la testa, rimanendo semplice e alla mano.
Difficilmente scendeva a compromessi: se non gli piaceva l'editore, rifiutava le commesse, rinunciando a guadagni notevoli.
Amava gli animali, soprattutto i gatti e in casa sua ne giravano almeno una dozzina. Stranamente questi animali si possono trovare in pochi suoi lavori, spesso seminascosti. Per questo sono molto ricercate dai collezionisti.

Il suo cattivo stato di salute ne condiziono' i lavori negli ultimi anni anche se la sua scuola era molto affermata con allievi di gran talento come Yoshitoshi (il preferito, che tratto' come un figlio. E' ritenuto l'ultimo grande maestro dell'Ukiyo.-e), Yoshiiku, Yoshitora, Yoshikazu e Yoshifuji.
Kuniyoshi mori' il 4 aprile 1861.




Copyright © 2010-12 - Design by Cultor.org - Contatti