Cultor College

 

Wim van Velzen è un fotografo olandese specializzato nei paesaggi. Le sue immagini si concentrano sul rapporto tra l'ambiente e gli esseri umani. Lavora non solo nei Paesi Bassi, ma pure in Scozia e Irlanda.
Le sue immagini sono pubblicate su numerose riviste di viaggi e fotografia. Wim ha creato un sito web per approfondire le tecniche della fotografia, particolarmente per quanto riguarda i paesaggi; organizza anche laboratori per gruppi o lezioni individuali.
Wim van Velzen ha la sua base a Veenendaal, nel centro dell'Olanda a metà strada tra Utrecht e Arnhem.

Website

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo e le immagini relative non possono essere copiate o riprodotte, senza il permesso del titolare del copyright .
'This article and associated images may not be copied or reproduced elsewhere without the copyright holders permission'.
Copyright© 2011-12 Wim van Velzen

 




Lunghezze focali
le lenti usate nella fotografia di paesaggi

di Wim van Velzen

 

Si pensa ai paesaggi e viene in mente la lente grandangolare. Ma non solo un grandangolo: tanto più ampia è la lente, tanto meglio. Il 28 millimetri, nel formato 35mm o 50mm, infatti non è ritenuto sufficientemente ampio per lavorare con un paesaggio.
È corretto? Un paesaggio ha bisogno di lenti così ampie? E cosa si può fare con un teleobiettivo?
In questo articolo vorrei discutere l'uso di differenti lunghezze focali nella fotografia di paesaggio. Certamente non parlo di un 24 millimetri rispetto a un 28mm o se mi serviva un 200 f2.8. Valuto i grandangolari e i tele e le loro prerogative.
A proposito:è sufficiente usare l'attrezzatura già in vostro possesso, si può cominciare a pensare a nuovi acquisti solo se la macchina e le lenti che usate non riescono più a soddisfare le vostre esigenze.


Murroogh IrlandaSpiaggia di Murroogh, Fanore, Contea di Clare, Irlanda; agosto 2002, alla sera.
Bronica EC-TL, 50 Zenzanon 2,8, 1 sec @ 22, Fuji Provia 100F
.


Grandangolo

La maggior parte dei paesaggi si estendono principalmente per una certa larghezza. Questo è più evidente al mare o nei polder olandesi, ma anche gli scenari e i panorami di montagna sono ampi.
Un obiettivo grandangolare consente di catturare questa larghezza: un'ampia sezione dell'orizzonte è mostrata nella fotografia che comprende anche gran parte del primo piano.
Con la prospettiva del grandangolo il primo piano può apparire un po' esagerato, fino al punto che quasi ci si sente come cadere in avanti, perché nell'immagine è compreso anche il terreno proprio davanti ai piedi del fotografo. I rapporti tra vicino e lontano sono allungati e distorti.
Utilizzato consapevolmente questo effetto conferisce una profondità enorme alla fotografia.



Castello Tioram ScoziaSpiaggia di Murroogh, Fanore, Contea di Clare, Irlanda; luglio 2002, al mattino
Bronica EC-TL, 50 Zenzanon 2,8, 1 / 15 sec @ 22, Fuji Provia 100F

Ma questo scatto col grandangolo, di questo bel panorama, realizza sempre una fotografia mozzafiato?
L'immagine respira lo stesso spazio di questa super vista?
Un autore olandese di fotografia, Dick Boer, spesso ha definito l'obiettivo grandangolare 'una lente avida'.
Infatti include nell'inquadratura un sacco di elementi, quindi è compito fastidioso del fotografo trovare un punto di vista e una composizione, che mantengano nell'immagine solo le parti significative.
Troppo spesso il primo piano non è molto interessante e i dettagli attraenti nello sfondo sono difficilmente visibili.

Un'immagine poco riuscita col grandangolo:

Castello Tioram Scozia
Castello Tioram, Moidart, Highlands, Scozia; luglio 1999, al mattino
Bronica EC-TL, 50 2,8 Zenzanon, circa 1 / 4 sec @ 16, Fuji Provia 100

Il grandangolo è utilizzato al meglio, se il primo piano è incluso significativamente nella composizione. Personalmente mi piace mettere un elemento tipico del paesaggio, come un pezzo di roccia o un arbusto fiorito di erica, in una posizione ben visibile. In questo caso l'orizzonte è posto nella parte alta dell'immagine.
Anche un cielo impressionante, che incombe su tutto il paesaggio, spesso ha bisogno di un grandangolo. In questo caso l'orizzonte può essere molto basso: il cielo, infatti, è il vero soggetto.

Teleobiettivo

Il teleobiettivo ha le caratteristiche opposte: tutti gli elementi del paesaggio sono spinti, per così dire, l'uno contro l'altro; l'immagine suggerisce distanza piuttosto che larghezza e la prospettiva è compressa.
Questo effetto può essere usato per le montagne, isole, viali ecc. suggerisce che una vetta è molto vicina a quella successiva o che una strada è completamente piena di alberi.
Poiché il teleobiettivo avvicina, la prospettiva atmosferica è molto più evidente che in un grandangolo.
Tutti i tipi di polveri e vapori nell'aria rendono la distanza più vaga. Questo avviene soprattutto con nebbia e foschia.

Gelderse Olanda
Terreni agricoli e forestali, Gelderse Vallei, Paesi Bassi; giugno 1998, prime ore del mattino
Bronica EC-TL, 150 3,5 Zenzanon, circa 1 / 4 sec @ 16, Fuji Provia 100

Questa prospettiva atmosferica rende lo scatto col teleobiettivo quasi monocromatico. I vari elementi del paesaggio non mostrano il loro colore, ma assumono quello della luce disponibile, a seconda del tempo e della situazione atmosferica l'intera immagine può tendere al giallo, viola, blu o altro.
Per questo il teleobiettivo va molto bene per rendere l'atmosfera di una certa ora del giorno. Poichè il primo piano non è incluso, il numero di elementi dell'immagine può essere limitato. L'uso appropriato di questa caratteristica sottolinea l'atmosfera.
In altre parole: il teleobiettivo tende ad essere più intimo. Si guarda, per così dire, attraverso una finestra focalizzando meno elementi.

Connemara Irlanda
Vista su Connemara da Craggagh, Contea di Clare, Irlanda, agosto 2002, la sera
Bronica EC-TL, 25 centimetri 4,0 Nikkor e 2x convertitore, circa 1 / 15 sec @ 8, Fuji Provia 100F

Un'altra differenza tra grandangolo e teleobiettivo è la profondità di campo. Il teleobiettivo ha una profondità di campo più limitata, anche se una piccola apertura e la distanza dal soggetto aiutano a dare un'immagine nitida.
Ma la profondità di campo limitata può essere utilizzata a nostro vantaggio, non solo per ritratti o macro, ma pure per il paesaggio. Infatti per me paesaggio non è solo scene di grandi dimensioni e panorami, io preferisco includere 'ritratti' dei personaggi principali di un paesaggio: alberi, rocce, fiori ecc.

Fiori di campo Galway Irlanda
Fiori di campo, Roundstone, contea di Galway, Irlanda, agosto 2002, al mattino
Bronica EC-TL, 25 centimetri 4,0 Nikkor, circa 1 / 30 sec @ 11, Fuji Provia 100F

Certo un teleobiettivo può essere necessario quando non si può essere abbastanza vicini al soggetto.
Il vero specialista della fauna selvatica si porta dietro tutti quegli obiettivi pesanti proprio per questa ragione.
Io non sono assolutamente uno specialista della fauna selvatica, ma di tanto in tanto mi piace fotografare qualche foca:

Arran Scozia
Foche, Brodick Bay, Isola di Arran, Scozia; luglio 2001, nel tardo pomeriggio
Bronica EC-TL, 25 centimetri 4,0 Nikkor e 2x convertitore, circa 1 / 30 sec @ 8, Fuji Provia 100

 

Come avrete notato, qui non ho parlato dell'obiettivo standard. Di sicuro, non è perché non lo uso! Può essere l'obiettivo perfetto per una data situazione: né troppo grande né troppo compressa. Si può usare soprattutto con alberi e case, che sembrano cadere all'indietro con un grandangolo o quando un teleobiettivo non consente una visione completa.
Il mio buon vecchio Rolleicord, che mi piace portare con me quando la borsa è troppo piena, è solo una lente da 80mm, ma può essere utile in quasi tutte le situazioni.

Zona e composizione

Amo ripetere come sia importante costruire una composizione intorno a uno o più punti forti, con l'occhio dello spettatore che segue un 'percorso' tra i vari punti di forza.
Ma non tutte le composizioni possono essere realizzate in questa maniera. Alcune immagini, infatti, sono visivamente forti a causa del modo in cui sono suddivise le aree all'interno dell'inquadratura, senza formare un percorso definito per gli occhi.
L'immagine nel suo insieme è più simile a una sorta di bandiera o mappa: è fatta di aree che si bilanciano.
Per fare un esempio: io cerco di avere piccole aree luminose, perché attirano più attenzione delle zone più scure.

Cottage Highland Scozia
Cottage Kilchoan, Ardnamurchan, Highlands, Scozia; luglio 1999, intorno a mezzogiorno
Bronica EC-TL, 80 Zenzanon 2,4, 1 / 60 sec @ 11-16, Fuji Provia 100


Questo tipo di immagini è spesso realizzato con un teleobiettivo. Poiché la maggior parte delle volte il primo piano non è compreso, il numero degli elementi è limitato, così tanto minori sono le aree compositive, tanto più forte è l'insieme delle immagini.

Ritmo e composizione

A volte non sono le aree a fare una composizione, ma un certo ritmo di elementi lineari. Questo può coincidere con un forte senso di profondità, come in un viale di alberi, o di una totale mancanza di profondità, come in uno scatto frontale di un recinto o di un filare di alberi.
In questo caso il teleobiettivo ha una certa importanza perché comprime la prospettiva, i vari elementi sono più vicini gli uni agli altri e il ritmo risulta più forte. Un viale imponente può essere ripreso con un teleobiettivo, piuttosto che con un grandangolo, in quanto un grandangolo rompe la simmetria delle linee degli alberi.
Come mostra lo scatto seguente, il teleobiettivo offre anche la possibilità di isolare una parte di una scena più ampia sottolineando il ritmo della composizione.

Amerongse berg Olanda
Legno di pino, Amerongse Berg, Olanda, February 2003, nel pomeriggio
Rollei 6008i, 150 4,0 Sonnar, circa 1 / 15 sec @ 16, Kodak E100SW

Questa composizione non ha profondità, gli occhi non seguono una direzione, ma a causa del suo ritmo l'immagine è attraente di per sé!