La sezione aurea e la tremendamente pigra "Regola dei Terzi"

Cultor College



La sezione aurea
e la tremendamente pigra "Regola dei Terzi"

di Jake Garn



"Le regole sono fatte per essere infrante" è il mio paradosso preferito.

Detto questo parliamo della regola dei terzi. Dopo un'attenta ricerca mi sono convinto che la regola dei terzi, in realtà, può essere solo l'espediente di un fotografo pigro. Si tratta, infatti, di una superficiale semplificazione. Perchè un'immagine divisa, per comodità, in tre parti uguali dovrebbe avere la stessa valenza di quello che ci propone la natura, la proporzione perfetta, la sezione aurea, lo specifico rapporto, già noto fin dalla notte dei tempi, al punto di essere chiamato proporzione divina ?

Per trovare la vera storia della "sezione aurea" abbiamo bisogno di tornare indietro nel tempo, non al Rinascimento, non ai Greci e neanche ad Adamo nè Eva ... ma ancora di più indietro. Abbiamo bisogno di arrivare alla creazione dell'universo, perchè?

Beh, vi dirò il perchè: non c'è un numero che determina come cresca un seme di girasole o il percorso di un falco che cattura in immersione la preda o come sono tracciate le spirali di una galassia o gli anelli di Saturno.
E' tutto molto semplice nella sua bellezza e la cosa migliore è che tutto è vero.
Se volete approfondire questo argomento vi consiglio il libro "La sezione aurea" di Mario Livio (edito in italiano da Mondadori nel 2005).

E' interessante notare che questo principio matematico (esemplificato qui a fianco e noto anche come sequenza di Fibonacci) è stato applicato già nel 400 aC, oggi ci si riferisce a questa linea con diversi nomi: il rapporto aureo, la proporzione divina, ma comunque si chiami si dovrebbe notare che non è allineato con la regola dei terzi. Quasi allineato, ma non del tutto, come si nota nella figura in alto.


In altre parole, se si vuole costruire una composizione in cui i punti principali siano collocati su linee utilizzate dalla natura in modi diversi seguite la Sezione Aurea. Invece, se si vuole semplicemente chiudere il foglio in tre parti ed allineare la propria composizione con quella linea, con tutto quel che significa, seguite la "regola dei terzi".

Naturalmente non sto raccomandando di portarsi dietro una squadra e avviare la misurazione delle immagini per fa sì che si attengano a questi principi naturali, ma quello che sto raccomandando è di iniziare a vedere il mondo nella stessa maniera in cui Madre Natura tende a vedere il mondo, in una proporzione che è assolutamente elegante nella sua bellezza matematica. Se ci si riesce poi le immagini possono solo iniziare a essere più forti attraenti ed accattivanti.

Le immagini seguenti sono tutte felici incidenti ... il significato del loro allineamento alla spirale (chiamata spirale di Fibonacci) non è stato pre-programmato, semplicemente è capitato che parti significative della composizione siano collocate lungo le principali intersezioni o linee all'interno della spirale.



All images are copyright by Jake Garn to license the use of any image or
purchase a print please contact jsg@jakegarn.com



/p>


Last modified: January 2018