tempio Ananda Pahto (c.1090-1105) Myanmar, Birmania

Cultor College


tempio Ananda Pahto (c.1090-1105)

del prof. Robert D. Fiala





Il Pahto Ananda, o Phaya, fu il primo dei grandi templi di Bagan, e rimane uno dei più belli e più significativi. E' un capolavoro simmetrico dello stile architettonico Mon, con qualche influenza dell'India del Nord.
Riflette il passaggio dal primo periodo a quello intermedio dell'architettura di Bagan.
Situato a est delle mura della città vecchia, con una struttura a terrazze, svetta a 52 metri di altezza, circondato da quattro guglie ai vertici di una piattarforma quadrata rialzata. In occasione del 900° anniversario del tempio, nel 1990, le sue guglie sono state nuovamente rivestite d'oro.

Paul Strachan, uno dei massimi esperti in tema di architettura di Bagan, ha suggerito che "niente può rivaleggiare con l'esperienza arricchente che fornisce Ananda".
Danneggiato dal devastante terremoto del 1975, è stato accuratamente restaurato.

Terrazze superiori e sikhara centrale, con l'elemento più alto (hti) a forma di ombrello.


Il tempio fu completato durante il regno di re Kyanzittha (r. 1084-1113), ispirato da otto monaci indiani in visita e dalla storia precedente della loro vita nella leggendaria grotta Nanadamula nell'Himalaya.
L'Ananda ha voluto ricreare una visione di questa grotta riflettendo la sapienza infinita del Buddha.


Il tempio è circondato da un muro di cinta e quattro porte integrate ad arco che ospitano divinità guardiane sedute in posizione 'lalitasana'.
Poichè è sempre stato anche un monastero comprende anche una serie di edifici, all'interno del muro di cinta.


L'Ananda è una struttura perfettamente proporzionata a croce greca in forma simmetrica; comprende i vestiboli, il portico d'ingresso coperto e gli stupa decorati.

E' un quadrato centrale lungo circa 53 m per ogni lato.
La massa principale dell'edificio, alta 10,5 m, contiene due ordini di finestre.
La torre centrale si alza fino a 52 m.

Ci sono sei terrazze, quelle inferiori hanno una serie completa, numerata, di 537 piastrelle Jataka, in lingua pali, mentre nella terrazza superiore vi è un ulteriore gruppo di 375 placche in lingua Mon raffiguranti la vita del Buddha.
La magnifica simmetria ascendente delle terrazze.

Considerando i tesori custoditi all'interno, Ananda ospita la più grande collezione in cotto di Bagan. Quattro stupa più piccoli imitano la corona centrale sikhara ad ogni angolo del secondo livello principale, mentre finestre ai vari livelli illuminano i corridoi interni. E' un tempio funzionante, in buono stato. Le parti in stucco e altre caratteristiche del tempio sono state restaurate nel tardo XVIII secolo.

Il classico stile 'tazaung', col tetto aperto.


Il cubo centrale ospita due corridoi paralleli che contengono nicchie ad arco, nel muro, per contenere le immagini del Buddha; oltre 80 scene in rilievo, in pietra arenaria, nel corridoio esterno, raffigurano la vita del Buddha, dalla sua nascita fino alla sua illuminazione. Quattro impressionanti Budhha in teak dorato (alti 9,5 m.) stazionano in piedi, nei quattro punti cardinali, rappresentando i Buddha che hanno raggiunto l'illuminazione.
Paul Strachan suggerisce che le immagini est ed ovest siano state riparate verso la fine del XVIII secolo quando il tempio fu ristrutturato.

Sono infatti in stile Mandalay Konbaung.

Le vesti inoltre sono piuttosto diverse da quelle originali. Anche se le pareti interne sono per lo più bianche, ci sono prove che in origine contenevano anche una serie di murales.

L'annuale Ananda Paya Festival,che si tiene per tre giorni durante la luna piena di Pyatho (dicembre-gennaio) organizzato per raccogliere fondi per la manutenzione del tempio, richiama migliaia di visitatori da tutte le parti del paese.



Uno dei quattro Buddha in teak alti 9 metri, posti ai quattro punti cardinali del tempio. A nord e sud ci sono le statue originali. Questa è l'immagine di Gautama, a ovest, con il 'mudra abhaya' (gesto di rassicurazione). Alcuni autori suggeriscono che sia stato riparato nel XVIII secolo, mentre altri suggeriscono che sia una copia del XIX secolo per sostituire quello distrutto da un incendio.

Bagan: tempio numero 2171

Sezione del tempio di Ananda.
La sezione del tempio vista da ovest.
Le statue dei Buddha poste nei quattro punti cardinali, da sinistra: Gautama (ovest), Konagamana (est), Kassapa (sud) e Kakusanda (nord).






Last modified: January 2018